CONDIVIDI

Parte una nuova rubrica della redazione de Il Mediano Sport. Bello o brutto, buono o cattivo, ci sarà sempre pronto un aggettivo per descrivere i fatti principali della nostra serie A.

Eterno:

Francesco Totti (f.i.)
Francesco Totti (f.i.)

l’aggettivo sembra calzare a pennello al 10 della Roma, l’eterno capitan Totti. Alla tenera età di quarant’anni Totti sa essere ancora determinante, in campo e fuori. L’ingresso del capitano nella partita con la Samp ha dei tratti profetici, entra lui e il temporale che si era abbattuto su Roma e sull’Olimpico sparisce all’orizzonte. Al di là della filosofia, Totti ha illuminato il campo, prima con l’assist per Dzeko e poi con il rigore trasformato nel finale che regala a Spalletti e alla Roma una vittoria sofferta quanto preziosa.

Affidabile:

il Napoli di Sarri non delude mai, la partenza del pipita è già stata assimilata dagli azzurri che attraverso il proprio gioco detta legge in casa del Palermo. Chi aveva dei dubbi sulla tenuta del Napoli dovrà senz’altro ricredersi, il Napoli non era solo Higuain, il campo lo ha dimostrato.

Incerta:

l’Inter di De Boar è un vero e proprio cantiere aperto, la vittoria di Pescara non cancella assolutamente una prestazione incerta da parte dei nerazzurri. Potenzialmente i nerazzurri hanno le carte in tavolo per competere al tavolo delle grandi della nostra serie A, ma la realtà al momento è che aleggia soltanto incertezza alla Pinetina.

Deludente:

il Milan lascia ancora una volta i propri tifosi con la bocca amara. La sconfitta con l’Udinese è forse troppo pesante per quello che si è visto in campo, il Milan a tratti ci ha provato ma ha evidenziato notevoli lacune, sia difensive che nella manovra d’attacco.

Spietati:

Higuain e Icardi sono due attaccanti completamente diversi, una cosa però li accomuna, in area sono entrambi spietati. Icardi ha una percentuale di tiri tentati e gol realizzati davvero impressionante, tutto quello che gli passa in area di rigore spesso e volentieri si trasforma in gol; Higuain è sicuramente più completo, forse meno uomo d’area di rigore ma assolutamente spietato come il suo connazionale.

Zuppa:

la giornata per i tifosi di Genoa e Fiorentina si può sintetizzare così, il nubifragio che ha colpito Genoa non ha risparmiato i tanti tifosi accorsi allo stadio per la partita. La decisione di rinviare la partita è sembrata inevitabile viste le condizione meteorologiche, forse però è arrivata un po’ in ritardo.

Pasticcione:

Marco Storari contro il Bologna non ha certo vissuto una delle sue migliori partite. La punizione di Verdi non sembrava proprio irresistibile, inoltre il portiere è apparso incerto in diverse situazione; completa poi l’opera facendosi espellere nel secondo tempo.

Vincenzo Torino