CONDIVIDI

Nella 3a giornata del gruppo C prosegue lanciata la corsa di Lecce e Foggia, entrambe vincenti. I salentini di Padalino (9 gol all’attivo in tre partite) centrano la loro terza vittoria consecutiva imponendosi 3-1 sul campo del Melfi e portandosi dunque a quota 9 punti in classifica, a punteggio pieno. Il match si sblocca al 29′ grazie al gol di Caturano che raddoppia tre minuti piu’ tardi. L’uno-due terrificante manda alle corde i padroni di casa che nella ripresa si sfaldano e subiscono la rete del 3-0 firmata da Pacilli. All’84’ serve solo a rendere meno pesante il ko il gol di Foggia. Tiene il passo del Lecce in vetta alla graduatoria il Foggia che si sbarazza per 3-0 della Vibonese. I rossoneri di Stroppa, approdato da poco dopo l’addio di De Zerbi, passano in vantaggio al 42′ con una fiammata di Riverola. Nel secondo tempo Mazzeo raddoppia con un siluro sotto la traversa. Al 75′, poi, è Sarno a chiudere i conti con un tiro che si infila nel sette. Sotto 1-2 col Cosenza il Matera di Auteri batte 3-2 in rimonta la compagine calabrese e resta agganciato al gruppetto delle prime. Sono i padroni di casa a rompere gli indugi e a segnare con Infantino al 29′ ma ad inizio ripresa gli ospiti capovolgono tutto con i gol di Mungo e Pinna. Il Matera resta in partita e pareggia i conti con Negro che poi al 94′ fa esplodere l’ “XXI Settembre” siglando la rete da tre punti. Una Juve Stabia cinica e spietata vince ancora e recupera terreno: alle vespe basta un gol in avvio per espugnare lo stadio “Veneziani” di Monopoli. Il gol decisivo lo timbra Del Sante all’8′, sugli sviluppi di una punizione di Marotta.

lecce

A quota 5 c’è il Taranto di Papagni che si conferma una formazione che darà del filo da torcere a molte big nel Girone C. La neopromossa in Lega Pro ferma sullo 0-0 un Siracusa che trova il primo punto del campionato. La Virtus Francavilla sogna per lunghi tratti la vittoria al “San Filippo” ma il Messina acciuffa il pareggio proprio nel finale. La formazione ospite va a condurre al 35′ grazie ad un calcio di rigore di De Angelis . I siciliani sembrano non avere la forza di reagire ma nel finale crescono e prima sciupano una buona occasione con Foresta e poi al 90′ è Madonia a regalare la rete del pari. La Casertana, pur non brillando, ottiene un prezioso successo nel derby campano con la Paganese e salva almeno per ora la panchina del tecnico. La partita è tutt’altro che avvincente, le due squadre non si scoprono mai, le occasioni latitano ma quando lo 0-0 sembra in dirittura d’arrivo, i falchetti fanno centro con Orlando (gol dell’ex). La Reggina ci mette il cuore e strappa in casa dell’Akragas un 2-2 molto prezioso: bella partita all’Esseneto, i padroni di casa vanno ad un passo dalla vittoria ma si fanno raggiungere proprio nel finale. La formazione di mister Di Napoli inizia con il piglio giusto e al 15′ passa in vantaggio con capitan Marino, sugli sviluppi di un corner: gli amaranto pareggiano al 34′ con un rigore di Coralli (fallo di Pane sullo stesso bomber), ma l’Akragas è aggressivo e al 41′ è ancora Marino a segnare. Il giocatore, tuttavia, si fa espellere ad inizio ripresa per fallo da ultimo uomo: la Reggina a quel punto ci crede e all’87’ impatta con De Francesco su azione da calcio d’angolo. Il Catanzaro trova la prima vittoria in campionato contro la Fidelis Andria offrendo una prestazione incredibile, contro una delle difese più solide del girone: al 32′ passa a condurre grazie a Campagna, il 2-0 porta la firma di Tavares di testa e all’82’ Di Bari chiude il match sul 3-0. Catania-Fondi è stata rinviata a mercoledì 28 settembre a causa della concomitanza con la visita in città del premier Matteo Renzi.

Girone C, 3/a giornata: Melfi-Lecce 1-3, Catanzaro-Fidelis Andria 3-0, Akragas-Reggina 2-2, Matera-Cosenza 3-2, Foggia-Vibonese 3-0, Messina- Virtus Francavilla 1-1, Paganese-Casertana 0-1, Monopoli-Juve Stabia 0-1, Taranto-Siracusa 0-0, Catania-Fondi rinviata al 28 settembre.

Francesco Carbone