CONDIVIDI

Colpo grosso della Croazia: a Bordeaux batte la Spagna 2-1 al termine di una partita meravigliosa. Morata illude Del Bosque, ma Kalinic pareggia sui titoli di coda del primo tempo. Tutto finito? Macchè, nella ripresa succede di tutto: Sergio Ramos sbaglia il rigore e a 3′ dalla fine Perisic serve la beffa. Spagna distratta e giustamente punita, Croazia bellissima, al netto di qualche amnesia difensiva. Agli ottavi passano entrambe, ma la Croazia vince il girone, mentre la Spagna incontrerà l’Italia, per una sfida dal retrogusto della rivincita. Dopo l’umiliazione nella finale del 2012.

MORATA-KALINIC- Del Bosque conferma in blocco l’undici che ha battuto la Turchia. Quindi, linea difensiva con Juanfran, Sergio Ramos, Piquè e Jordi Alba; mediana composta da Fabregas, Busquets e Iniesta; in attacco Morata, con Silva e Nolito. Qualche problema per Čačić, che deve rinunciare agli acciaccati Modrić e Mandžukić. Dunque,  spazio per Nikola Kalinić, supportato da Perišić, Rakitić e Pjaca. Sei giri di lancette e la Spagna è subito avanti: assist geniale di Silva per Fabregas che scavalca Subasic, Morata sulla linea spinge il pallone in rete. La Croazia reagisce al 12′: Kalinic chiama, De Gea risponde in corner. Al 13′ ancora Kalinic borseggia il pallone a De Gea, Rakitic raccoglie la sfera e con il pallonetto colpisce prima la traversa poi carambola sul palo. Ma è una Croazia esteticamente stupenda negli ultimi 30m, quanto rivedibile nei primi 30. La Spagna fa possesso palla, come sempre, poi accelera nella trequarti avversaria con Silva che è imprendibile. Al 38′ grande giocata di Rakitic che premia il lungo-linea di Srna, cross per Perisic che non inquadra. Al 43′ Spagna pericolosa, imbucata per Morata che liscia l’aggancio e l’azione sfuma. Non sbaglia un minuto dopo Kalinic: numero di Perisic sulla sinistra, cross delizioso per l’attaccante della Fiorentina che di esterno beffa De Gea. Gol meraviglioso e parità ristabilita al termine del primo tempo.

SUPER SUBASIC- Spagna all’arrembaggio nella ripresa, solito giro-palla a smarcare Juanfran, conclusione di prima intenzione e pallone in curva. La Croazia risponde al 56′, uscita difettosa di De Gea, raccoglie Jedvaj, tiro murato, rovesciata di Pjaca, palla sul fondo di un niente. Replica delle Furie Rosse: colpo di testa di Sergio Ramos che non inquadra. Al 69′ possibile svolta del match: pennellata di Iniesta per la testa di Silva, Vrsaljko gli frana addosso e per Kuipers è calcio di rigore. Sergio Ramos si presenta dagli undici metri, Subasic lo ipnotizza e mantiene a galla i suoi. Gol sbagliato, gol subito: ripartenza feroce di Kalinic, palla a Perisic che buca De Gea sul primo palo. Croazia avanti meritatamente. Finale thrilling: Silva salta tutti in area di rigore, conclude ma sulla linea trova la gamba di Corluka. E’ l’ultima emozione. La Croazia vince e vola agli ottavi.

download (22)

Mariano Messinese