CONDIVIDI

Decide la panchina. Hodgson rivolta come un calzino la squadra e l’Inghilterra ribalta il Galles. A Lens finisce 2-1 per gli ingleesi. Bale illude con una punizione da casa sua che coglie impreparato Hart, Jamie Vardy, subentrato a un irriconoscibile Kane, rimette in corsa l’Inghilterra nella ripresa, Sturridge regala la vittoria al 92′.Meglio la squadra di Hodgson, senza dubbio. Soprattutto dopo la zampata del Re Mida Vardy. Questa volta il 90′ è stato fatale agli avversari non all’Inghilterra che vola in testa al girone.

SUPER BALE- Roy Hodgson conferma l’11 titolare della prima partita. Centrocampo di qualità con Alli, Dier e Rooney. Kane centravanti, ai suoi fianchi Lallana e Sterling. Chris Coleman risponde con un più prudente 3-5-2. In attacco, con la stella Bale, c’è Robson-Kanu. L’altro giocatore di riferimento, Ramsey, agisce in mediana assieme ad Allen e Ledley. Pronti via e Inghilterra subito pericolosa: sponda di Kane, volata di Lallana e assist al bacio per Sterling che spara alto il rigore in movimento. Il Galles, però, non si spaventa e mantiene il baricentro alto. Non ci sono grandi occasioni, ma la gara è gradevole e i ritmi notevoli, nonostante l’afa pomeridiana che avvolge Lens. Al  25′ punizione per l’Inghilterra: Cahill sfugge alla marcatura di Williams ma impatta debolmente.  Episodio da moviola in area gallese al 31′: Sterling pennella per Kane, Hennessey è scavalcato dalla traiettoria, salva tutto Davies di testa con la palla che carambola sul suo braccio. Per Brych è tutto regolare. I pericoli maggiori per la porta gallese arrivano da palla inattiva, complice lo strapotere  fisico degli inglesi; al 35′ Smalling sale in cielo, colpisce di testa ma non trova la porta per questione di centimetri. Sembra il preludio al vantaggio dell’Inghilterra, ma il calcio è spietato come la classe di Gareth Bale che su punizione al 42′, da oltre 30 m, beffa Hart non esente da colpe. Al termine del primo tempo, Galles incredibilmente davanti 1-0.

STURRIDGE ALL’ULTIMO RESPIRO- Subito due cambi per l’Inghilterra: dentro Vardy, l’eroe di Leicester, e Sturridge, fuori Kane e Sterling. Tocca al veterano Rooney prendere per mano le reclute di Hodgson: al 54′ l’attaccante dei Red Devils manda al bar Ramsey, si accentra e scarica un rasoterra velenoso che chiama Hennessey alla deviazione in corner. Passano 60” e l’Inghilterra risale a galla: mischia in area risolta dalla zampata di Jamie Vardy che da due passi pareggia. Ossigeno puro per Roy Hodgson, debutto da sogno per l’ex operaio di Sheffield. Adesso, però, la partita è cambiata, perchè è tutta un’altra Inghilterra: al 61′ altro mischione, conclusione di Dier, salva tutto sulla Davies sulla linea. Il Galles barcolla e si chiude nella propria metà campo. Il predominio inglese si trasforma lentamente in assedio. Ma col passare dei minuti, le energie scarseggiano e l’Inghilterra non riesce più a impensierire Hennessey. Fino al 91 quando Sturridge sorprende il portiere gallese sul suo palo al termine di un’azione personale. L’inghilterra vince all’ultima curva e vola quasi agli ottavi. Rimandato il discorso qualificazione per il Galles. Si decide tutto nell’ultima giornata.

download (7)

Mariano Messinese