CONDIVIDI

La furia Hamsik si abbatte sulla Russia. La Slovacchia vince 2-1, trascinata da un Marekiaro in giornata di grazia: un assist per la rete di Weiss e un gol stupendo. Alla Hamsik, per intenderci. Di Glushakov l’inutile accorcio delle distanze. Successo meritato quindi e Russia non pervenuta. Il pareggio contro l’Inghilterra è sembrato un ingiusto premio per una nazionale apparsa davvero mediocre sul piano tecnico. Diverso il discorso per la Slovacchia. Contro il Galles aveva pagato la giornata no del suo uomo migliore. Ma se Hamsik gira sono dolori per tutti. Non solo per la Russia.

SUPER HAMSIK-Russia in campo col 4-2-3-1. Berezutski guida la difesa, mentre in attacco il trio Kokorin-Shatov-Smolov agirà alle spalle di Dzyuba. Kozák risponde con il 4-3-3. Duda al centro del reparto offensivo, fiancheggiato da Weiss e Mak. Primo squillo  di Hamsik (9′) che calcia da posizione defilata ma non trova lo specchio della porta. Per vedere la reazione russa, bisogna attendere il 22′: colpo di testa di Dzyuba, Kozacik blocca in due tempi. La partita non decolla. Ritmi lenti e manovre troppo prevedibili. Tanti sbadigli e qualche iniziativa individuale come al 27′: Dzuyba resiste alla carica di Skrtel e serve Smolov che calcia dai 20m ma non trova l’angolino basso per questione di centimetri. Al 32′ la svolta: Hamsik apre il compasso e serve Weiss: l’ex Pescara manda al bar Vasili Berezutski e fredda Afinkeev. Slovacchia avanti 1-0. Ancora Hamsik, in grande spolvero, semina il panico nella retroguardia avversaria e scarica un destro violento che finisce alto. MareKiaro si riscatta però subito dopo: si accentra e lascia partire un bolide che incoccia sul secondo palo e si infila in rete. Gol meraviglioso che chiude anche la prima frazione di gioco. 

marek-hamsik-luxembourg-slovakia-euro-2016-qualifying_c91ix0jdv15h111rqfcdj8p3q

RIAPRE GLUSHAKOV- Subito due cambi per la Russia: fuori Golovin e Neustadter, dentro Mamaev e Glushakov. Ma la squadra è ancora sotto shock per il doppio svantaggio. La Slovacchia intuisce il momento di difficoltà e continua a spingere: al 49′ Duda prende il tempo a tutti su calcio d’angolo ma impatta male di testa e la palla termina alta sopra la traversa. Ma non è finita qui: al 53′ ripartenza feroce di Kucka, assist nello spazio per Mak che calcia di prima intenzione, Afinkeev blocca in due tempi. Reazione russa non pervenuta. Almeno fino al 65′ quando Smolov sbaglia un rigore in movimento grazie al disperato intervento di Durica che fa scudo con il suo corpo. Sembra solo un fuoco di paglia, perchè la Slovacchia sembra in assoluto controllo del match, ma al 79′ Glushakov riapre i giochi di testa su assist di Shatov. La rete di Glushakov sveglia la Russia che spinge alla ricerca del pari. La Slovacchia stringe i denti e appare paralizzata soprattutto mentalmente. Ancora Glushakov all’85’ raccoglie il pallone dal limite, controlla e calcia sul fondo con Kozacik immobile. Ultimi minuti in apnea per Hamsik e compagni che resistono fino alla fine e riaprono il discorso qualificazione.

 

Mariano Messinese