CONDIVIDI

Nelle semifinali di andata dei playoff di Lega Pro il Pisa batte 3-0 il Pordenone, mentre il Fioggia viola Lecce per 3-2. Domenica prossima le gare di ritorno.

varela

E’ un Pisa da urlo quello visto nella semifinale d’andata dei playoff di Lega Pro. In un’Arena Garibaldi gremita, i toscani superano con un netto 3-0 il Pordenone e mettono una serie ipoteca sulla finale: decisiva una strepitosa tripletta di Lores Varela. La squadra toscana allenata da Rino Gattuso nel primo tempo domina l’avversario e chiude la contesa quasi subito grazie alla doppietta dell’attaccante uruguaiano che prima sblocca in spaccata su cross di Mannini dalla destra e poi, due minuti più tardi, raddoppia con un sinistro ad incrociare su assist di Tabanelli. Il 3-0 potrebbe arrivare quando proprio Tabanelli centra la traversa a inizio ripresa. Il tris si concretizza al 56′: altro cross dell’ex Sampdoria e tocco sottomisura del bomber Varela che manda in estasi Gattuso. Per il Pordenone, tra sette giorni, rimonta pressoché impossibile.

foggia

Decisamente più emozionane l’altra semifinale in cui il Foggia si è imposto 3-2 sul campo del Lecce. Pubblico delle grandi occasioni al “Via Del Mare” , sul campo Lecce e Foggia mantengono le promesse della vigilia e confezionano una partita splendida. La squadra di De Zerbi costruisce il successo nel primo tempo e di fatto getta delle basi solidissime in vista del ritorno, ma questo Lecce venderà cara la pelle nel ritorno. La finale playoff, per il Foggia, è ad un passo. Dopo appena 7 minuti i rossoneri si portano avanti per 2-0 grazie ad una doppietta del bomber Iemmello, ancora una volta letale sotto porta, e per i padroni di casa si mette malissimo. A quel punto Braglia stravolge l’assetto tattico e disegna un 4-2-4, gli effetti si vedono al 37′ quando Moscardelli trova la stoccata che riapre tutto: lo stesso Moscardelli prende un palo poco dopo, ma prima dell’intervallo Sarno firma il 3-1 dopo una triangolazione con Iemmello. Il Lecce si rifà sotto nella ripresa con un rigore di Lepore, ma i rossoneri resistono agli assalti avversari e conducono in porto la vittoria: appuntamento tra una settimana allo “Zaccheria”.

Francesco Carbone