CONDIVIDI

Finisce con il 34° turno la regular season del girone C di Lega Pro, decisivo per assegnare l’ultimo posto per gli spareggi promozione. Il Benevento, che aveva ottenuto la promozione in Serie B la scorsa settimana, festeggia l’intero 2016 da imbattuto dopo il pareggio ad Agrigento contro l’Akragas di Rigoli e chiude il campionato con la migliore difesa insieme a quella della Fidelis Andria (21 gol subiti). la partita è dal clima quasi amichevole e viene decisa da due reti nella prima frazione: i siciliani sbloccano il risultato al 41′ grazie ad una magistrale punizione di Zibert, i sanniti pareggiano quattro minuti più tardi con Angiulli. Il Foggia di De Zerbi non sbaglia,vince 3-1 sul campo della Juve Stabia e blinda una volta per tutte la sua seconda posizione nel girone C, chiudendo a -5 dalla capolista Benevento e a +2 sulla coppia Lecce-Casertana. Sconfitta indolore per le Vespe che terminano il torneo a quota 42, in decima posizione, a metà graduatoria. I rossoneri chiudono il match nei primi 45′ grazie al gol di Chiricò e alla doppietta del solito ed immenso Iemmello, capocannoniere del girone con 24 gol. Alle spalle dei satanelli, in terza posizione, si piazza il Lecce che strapazza la Lupa Castelli Romani, ultima in classifica. La formazione salentina allenata da Braglia ha gli stessi punti della Casertana ma rispetto ai campani, contro cui hanno pareggiato entrambi gli scontri diretti, hanno un leggerissimo ma decisivo vantaggio nella differenza reti (+18 contro +17). Le reti del successo contro i laziali, già matematicamente retrocessi da tempo, portano la firma di Caturano, Moscardelli e Doumbia. La squadra di Palazzi accorcia le distanze nel finale con Rossetti, ma il Lecce resiste e porta a casa l’intera posta in palio. L’ultimo posto utile per i play-off lo conquista la Casertana che si impone 4-2 sulla Paganese: i padroni di casa scappano con una doppietta di Alfageme, ma la squadra di Grassadonia accorcia con Carcione. Jefferson e Giannone sembrano chiudere i conti ma, all’86’, i tifosi di casa sono gelati da un altro gol di Carcione che si rivelerà pesantissimo in chiave differenza reti con il Lecce.

lecce

Un roboante 6-1 non basta al Cosenza per centrare il sogno playoff: i Lupi della Sila schiantano l’Ischia e chiudono il campionato a quota 60 punti. Il ritardo definitivo da Lecce e Casertana (a pari punti) è di sole tre lunghezze, ma alla fine è quinto posto, proprio a ridosso della qualificazione alla postseason. Il match è senza storia: a fine primo tempo il punteggio è già 3-0 (due volte La Mantia e Caccetta), ad inizio ripresa si arrotonda sul 6-0 (doppietta di Arrighini e Cavallaro, in quattro minuti), quindi arriva quantomeno il gol della bandiera per mano di Rubino. La formazione campana chiude dunque al penultimo posto con soli 21 punti raccolti: ai playout affronterà il Monopoli, beffato proprio nel rush finale dal Catania. Il Catania batte 2-1 la Fidelis Andria e conquista la salvezza diretta senza passare dai playout: la squadra rossazzurra allenata da Moriero, partita con dieci punti di penalità, chiude il campionato al quint’ultimo posto a pari punti col Monopoli (che pareggia 1-1 a Matera) ma la spunta grazie al maggior numero di punti negli scontri diretti. In vantaggio al 23′ grazie a una rete di Bergamelli su assist di Calil, il Catania viene raggiunto al 41′ dalla Fidelis Andria che perviene al pareggio grazie a una magia di Strambelli. La rete che vale la salvezza degli etnei arriva al minuto 50 e porta la firma di Russotto. Salvezza in extremis anche per il Catanzaro, che batte di misura con un gol al 64′ di Razzitti il Melfi, obbligato a giocarsi la permanenza in Lega Pro ai play-out. Stessa sorte spetta al Monopoli che sfiora l’impresa a Matera: Gambino illude gli ospiti dopo 22′, poi Pinto lascia in inferiorità numerica i biancoverdi che vengono raggiunti sul pareggio dal gol di Infantino.
L’ultimo posto nella griglia play-out lo occupa il Martina Franca terz’ultimo, che chiude davanti ai propri tifosi con un 2-2 contro il Messina maturato nei minuti finali grazie al gol di Berardino.

Risultati:
Akragas – Benevento 1-1;

Casertana – Paganese 4-2;

Catania – Andria 2-1;

Catanzaro – Melfi 1-0;

Cosenza – Ischia 6-1;

Juve Stabia – Foggia 1-3;

Lecce – Castelli Romani 3-1;

Martina Franca – Messina 2-2;

Matera-Monopoli 1-1.

Verdetti Lega Pro Girone C

– Promossa in Serie B: Benevento

– Retrocessa in Serie D: Lupa Castelli Romani

– Play-off: Foggia (2°), Lecce (3°), Casertana (4°)

– Play-out: Monopoli (14°), Melfi (15°), Martina Franca (16°), Ischia (17°)

Andata 21/05/2016: Ischia – Monopoli , Melfi – Martina Franca

Ritorno 28/05/2016: Martina Franca – Melfi , Monopoli – Ischia

Francesco Carbone