CONDIVIDI

Nella 18a giornata del Girone C di Lega Pro mezzo passo falso della Casertana campione d’inverno, che non va oltre il 2-2 in casa contro il Catanzaro e butta via una grossa occasione per distanziare il Foggia secondo in graduatoria. I padroni di casa non giocano bene e chiudono il primo tempo sotto di un gol. Nella ripresa, tuttavia, i falchetti si scuotono, pareggiano con una zampata in mischia di De Angelis e poi mettono la freccia con Jefferson, il quale dapprima colpisce una traversa e poi fa centro. Quando Maita viene espulso per doppio giallo sembra finita, ma all’88’ Razzitti è il più lesto nel mucchio e timbra il 2-2. Stesso risultato per il Foggia di De Zerbi che dopo quattro vittorie coglie il secondo pari di fila (2-2) contro la Paganese ma può tirare un sospiro di sollievo al termine di una splendida rimonta: nel primo tempo un’autorete di Gigliotti e la marcatura di Caccavallo spaventano gli ottomila dello ‘Zaccheria’, ma nella seconda frazione i satanelli rimontano con Iemmello e Chiricò. Subito alle spalle del Foggia sale il Benevento che travolge al ‘San Filippo’ il Messina di “Re Artù” Di Napoli con un perentorio 5-0: Ciciretti sblocca il punteggio già al 6′, Cissè sigla il raddoppio, poi ad inizio ripresa è Del Pinto a marcare il tris di sinistro. I siciliani a questo punto si sciolgono e il Benevento trova la goleada con Ciciretti e Marotta che completano la festa sannita. Il Lecce non riesce a trovare la via del gol sul campo della Fidelis Andria: complice di questo risultato è sicuramente il terreno di gioco in condizioni precarie, a causa della nevicata di ieri mattina.

casertana

Martina Franca-Cosenza è la prima gara della stagione rinviata per neve. Il match non si è potuto disputare a causa della neve, caduta copiosa sulla città pugliese e sullo stadio ‘Tursi’. Continua a volare intanto il Matera di Padalino, che ottiene il decimo risultato utile consecutivo sbancando 4-1 il campo dell’Akragas. I lucani sono sempre più vicini ai playoff mentre i siciliani sono in piena caduta libera. Infantino firma l’1-0, poi Di Lorenzo timbra il bis con un sinistro potente mentre è di Rolando la rete del 3-0. I padroni di casa chiudono il primo tempo sotto di tre reti e in avvio di ripresa accorciano con Digrazia: il vantaggio del Matera è però troppo importante e nel finale arriva il poker di Letizia. Termina in parità invece fra Juve Stabia e Melfi con botta e risposta nel primo tempo fra Arcidiacono ed Herrera. Il Catania inizia il girone di ritorno pareggiando in bianco al ‘Massimino’ con il Monopoli: i siciliani, pur giocando meglio, si rendono pericolosi solo a sprazzi e nel finale sprecano addirittura un calcio di rigore con Calil. Punto d’oro invece per il Monopoli che così muove la classifica. Si chiude sul 2-2 la sfida salvezza di Rieti tra Lupa Castelli Romani e Ischia. Una doppietta di Kanoute non è sufficiente agli ischitani per fare bottino pieno a Rieti contro la Lupa Castelli Romani, che ha la forza di recuperare due volte lo svantaggio, prima con Petta e poi con un penalty di Morbidelli al 93’. Ma è un pari che serve a poco per i laziali, mestamente in fondo alla classifica.

Risultati:
Akragas-Matera 1-4;
Foggia-Paganese 2-2;
Juve Stabia-Melfi 1-1;
Lupa Castelli Romani-Ischia 2-2;
Messina-Benevento 0-5;
Casertana-Catanzaro 2-2;
Catania-Monopoli 0-0;
Fidelis Andria-Lecce 0-0;
Martina Franca-Cosenza rinviata per impraticabilità campo.

Francesco Carbone