CONDIVIDI

Nella 14a giornata del Girone c di Lega Pro continua la grande corsa della capolista Casertana che dimentica il ko di Foggia e batte 2-1 il Monopoli salendo a quota 30 punti. Alfageme rompe gli indugi dopo appena dodici minuti con un colpo di testa, poi Murolo sfiora il 2-0 ma al 38′ Agyei lo trova con un tap-in dopo che il tiro di Mangiacasale aveva colpito il palo. I pugliesi accorciano al 90′ con Croce, ma è troppo tardi. Tiene il passo delle squadre di vertice il Foggia che soffre tantissimo ma riesce a vincere di misura sul campo di un Akragas sempre più in crisi. I padroni di casa giocano un gran match e nel primo tempo colpiscono ben due legni e nella ripresa sfiorano ripetutamente il gol, ma all’85’ il neoentrato Viola fa gol anche se i padroni di casa protestano per una presunta posizione irregolare. E’ finito con un pirotecnico e spettacolare 5-5 il derby campano tra Juve Stabia e Ischia. Dieci reti in una partita di sicuro poco monotona. Il primo tempo si chiude con i gialloblu in vantaggio 4-3: al 3′ Nicastro firma l’1-0 ribadendo in rete una palla respinta dal palo, poi arriva l’1-1 di Kanoute ma tra il 10′ e il 23′ le vespe si portano sul 3-1 (Arcidiacono e Nicastro). Non è finita, gli ospiti accorciano con un penalty di Mancino, poi Nicastro firma la doppietta personale ma prima dell’intervallo Florio piazza il 4-3. Nella ripresa Obodo segna il 5-3, poi al 65′ Gomez manca il 6-3 (traversa): sembra una gara chiusa, ma nel finale gli ospiti rimettono il match in piedi con Patti e l’autogol di Romeo. Colpo grosso del Benevento che sbanca il campo del Catania con il punteggio di 1-3 aprendo la crisi degli etnei. Tre gol e tre punti pesantissimi. Successo meritato degli stregoni che passano in vantaggio ad inizio ripresa con un sinistro velenoso di Ciciretti. Al 72′ i siciliani subiscono lo 0-2 con un rigore di Mazzeo. Nel finale Ciciretti va ancora in gol: la rete di Nunzella nel recupero ha poca importanza per i i padroni di casa. Sale al secondo posto in coabitazione con il Foggia il Lecce che batte 2-0 il Messina grazie alle reti di Surraco e Lepore.

benevebto

Festa grande anche per il Matera che vince e convince superando 2-1 la Paganese. Cammino molto positivo per i lucani, 12 punti nelle ultime 6 giornate, mentre gli azzurrostellati infilano il secondo ko di fila e si avvicinano alla zona playout. Rolando rompe il ghiaccio al 28′ con un gran destro secco, poi al 32′ Ingrosso firma il raddoppio locale. La Paganese non ha le armi per reagire, ma nel finale accorcia le distanze grazie ad un’autorete di Ingrosso. Catanzaro-Fidelis Andria finisce a reti inviolate. Si muovono di un solo punto le due squadre in classifica. Le due formazioni rimangono distaccate di due punti con il Catanzaro a 19 e il Fidelis Andria a 21. Il Cosenza supera di misura il Melfi: finisce 1-0 al “San Vito”. I calabresi volano a quota 24 punti grazie alla quarta rete in campionato dell’ex Pisa Arrighini.Seconda vittoria nelle ultime tre giornate per il Martina Franca che si sbarazza facilmente della Lupa Castelli Romani con un secco 3-0. Il vantaggio dei padroni di casa matura al 28′ con un rigore di Baclet. Nella ripresa gli ospiti crollano: De Lucia firma il 2-0 al 75′, due minuti dopo Schetter mette la firma sul terzo gol.

Risultati:
Juve Stabia-Ischia 5-5;
Catania-Benevento 1-3;
Lecce-Messina 2-0;
Matera-Paganese 2-1;
Catanzaro-Fidelis Andria 0-0;
Cosenza-Melfi 1-0;
Akragas-Foggia 0-1;
Casertana-Monopoli 2-1;
Martina Franca-Lupa Castelli Romani 3-0.

Francesco Carbone