CONDIVIDI

Cambia la capolista nella 9a giornata del girone c di lega pro, dove il doppio incrocio fra le prime quattro della classe promuove la Casertana. I rossoblù piegano 2-1 il Benevento nel derby campano e si riprendono il comando staccando di tre lunghezze proprio i sanniti. Gli ospiti partono meglio ma al primo affondo importante passa in vantaggio la Casertana con Negro. Prima dell’intervallo arriva il pareggio di Marotta. Il 2-1 arriva ad inizio ripresa, Negro calcia da fuori area e la mette all’incrocio dei pali. Il Foggia centra la quarta vittoria consecutiva e irrompe in zona play-off battendo 2-0 il Messina. Termina così l’imbattibilità dei peloritani che perdono la testa della classifica grazie ai gol di Iemmello e Gerbo. Passettino avanti anche per il Cosenza di Roselli che pareggia 0-0 sul campo della Paganese e sale a 14 punti in classifica. A quota 14 c’è anche la matricola Akragas di Nicola Legrottaglie, che nel match tra neopromosse con la Lupa Castelli Romani, non va oltre l’1-1. L’Akragas sblocca il match quasi subito, al 6′ Zibert viene imbeccato da Salandria e la mette dentro. Il gol del pari arriva al 79′ grazie ad un calcio di rigore di Volpe.

juve stabia

Identico risultato anche nel testa a testa fra Martina Franca e Melfi, un match molto importante in prospettiva salvezza: a salvare i padroni di casa, a tempo scaduto, è il penalty trasformato da Baclet, così da neutralizzare la marcatura in avvio di incontro di Herrera. Mastica amaro il Melfi che già pregustava una fondamentale vittoria in chiave salvezza. Non inizia di certo nel migliore dei modi l’avventura di Alessandro Erra al timone del Catanzaro dopo l’esonero di Massimo D’Urso: i giallorossi perdono in casa contro il Matera e retrocedono così in ultima posizione, scavalcati proprio dai lucani. La rete che decide il match arriva poco prima dell’intervallo, Meola approfitta di una leggerezza difensiva e la butta dentro. Momento delicato della stagione per la Fidelis che al “Degli Ulivi” incassa la terza sconfitta consecutiva ad opera di un ottimo Ischia. Il team campano s’impone, in rimonta, con il risultato di 2-1 dopo una gara che ha visto i biancoazzurri giocare un buon primo tempo chiuso in vantaggio per 1-0 grazie alla prima rete in campionato di Kristo. Ma nella ripresa la squadra di D’Angelo si è lasciata sopraffare dai gialloblu che con uno-due micidiale firmato Kanoute-Florio hanno ribaltato meritatamente il match. La cura Zavettieri sta rigenerando la Juve Stabia (7 punti in tre gare con il nuovo allenatore),capace di battere 2-1 la corazzata Catania. La partita è vibrante, le due squadre giocano senza paura ma sono i padroni di casa a portarsi in vantaggio con Contessa. La risposta del Catania non si fa attendere, passano quattro minuti e Calil riequilibra tutto approfittando di uno svarione difensivo, ma la Juve Stabia no molla e trova al 95′ il gol del vantaggio con un guizzo di Bombagi.

Risultati:
Casertana-Benevento 2-1;
Fidelis Andria-Ischia 1-2;
Juve Stabia-Catania 2-1;
Catanzaro-Matera 0-1;
Lupa Castelli Romani-Akragas 1-1;
Martina Franca-Melfi 1-1;
Foggia-Messina 2-0;
Paganese-Cosenza 0-0.

Francesco Carbone