CONDIVIDI

Il Messina vola in vetta da solo nel girone C di lega pro: i peloritani battono 1-0 la Lupa Castelli Romani grazie a Salvemini, centrano la terza affermazione consecutiva ma soprattutto, complice il pareggio della Casertana, sono primi in classifica. Cade l’Akragas di Legrottaglie, battuto a domicilio dalla Juve Stabia, che passa grazie alla doppietta di Polak e torna al successo dopo oltre un mese. Alle spalle del Messina, a un punto, c’è la Casertana che non riesce a imporsi sul campo dell’Ischia: al Mazzella finisce 0-0 e gli isolani si confermano un avversario molto ostico e difficile da affrontare tra le proprie mura. Dopo lo 0-0 in casa del Matera, il Benevento torna a vincere e lo fa davanti al proprio pubblico. Una vittoria fondamentale che consente ai sanniti di affiancare al secondo posto in classifica la Casertana, ma soprattutto di portarsi a meno un punto dalla capolista Messina. Contro un buon Catanzaro la formazione di Auteri ottiene i 3 punti con il minimo sforzo. Nel primo tempo i padroni di casa spingono poco, poi nella ripresa cambiano passo con Melara, che al 55′ penetra in area con un bel gioco di gambe e poi infilza Grandi con il mancino. Il Lecce espugna Melfi con un gran goal di Lepore nel secondo tempo ottenendo la seconda vittoria consecutiva dopo quella dello scorso turno contro l’Ischia. Dopo un primo tempo a ritmo blando, nella ripresa i giallorossi hanno assunto il controllo del gioco, trovando la rete che è valsa i tre punti con un tiro in corsa del calciatore leccese.

benevento

Il Monopoli perde una buona occasione per fare un salto in classifica e perde con il minimo scarto una gara che invece avrebbe dovuto vincere. La Paganese dopo oltre un mese ritorna alla vittoria: gli azzurrostellati espugnano il “Veneziani” grazie alla rete segnata al 25´ del primo tempo da Cicerelli e aggancia il Lecce a 12 punti. Terza vittoria consecutiva per il Foggia, la quarta nelle ultime cinque giornate: i rossoneri di De Zerbi, dopo un inizio di campionato zoppicante, non si fermano più e sconfiggono anche la Fidelis Andria. Una rete di Iemmello al terzo minuto di recupero regala i tre punti preziosissimi ai rossoneri in una gara sofferta e povera di occasioni. Girandola di gol e di emozioni tra Catania e Martina Franca in una partita avvincente che si chiude 3-2 per i padroni di casa. La formazione etnea, costretta a giocare in dieci da inizio ripresa, riesce comunque a portare a casa i tre punti e a salire a quota 8 in graduatoria. Il Catania parte subito forte e al 12′ Calil sblocca la gara mentre al 20′ arriva il raddoppio con Calderini che di testa batte Viotti su cross di Scarsella. Nella ripresa l’espulsione di Scarsella rimette in partita gli ospiti che accorciano le distanze al 50′ con un rigore di Baclet.Lo stesso Baclet trova il pari al 70′, ma a dieci minuti dal termine Russotto realizza di testa il definitivo 3-2. Il Cosenza non si ferma più e trova 3 punti pesantissimi contro il Matera. La truppa di Roselli soffre non poco, ma all’87’ trova con La Mantia la zampata vincente che fa esplodere lo stadio.

Risultati:
Akragas-Juve Stabia 0-2;
Melfi-Lecce 0-1;
Messina-Lupa Castelli Romani 1-0;
Ischia-Casertana 0-0;
Benevento-Catanzaro 1-0;
Foggia-Fidelis Andria 1-0;
Cosenza-Matera 1-0;
Monopoli-Paganese 0-1;
Catania-Martina Franca 3-2.

Francesco Carbone