CONDIVIDI

La Salernitana si aggiudica 1-0 il derby con la Paganese e allunga in classifica. I granata vincono 1-0 al “Torre” e salgono a quota 73 grazie ad uno sfortunato autogol di Moracci. L’Ischia conquista tre punti fondamentali in chiave salvezza grazie al successo contro la Reggina. I campani occupano la sedicesima posizione in classifica, mentre i calabresi restano all’ultimo posto con 22 punti. A decidere il match è una rete di Sirignano. Termina 1-1 la sfida tra Barletta e Catanzaro. Nel primo tempo è Ingretolli a portare in vantaggio il Barletta, con un preciso colpo di testa, ma nella ripresa i giallorossi sono più pimpanti e raggiungono il pareggio grazie ad un autogol di Radi. Il Lecce batte 1-0 il Benevento e rallenta la corsa dei campani che scivolano a -5 dalla capolista Salernitana. Il primo tempo è privo di emozioni ma i salentini salgono in cattedra nella ripresa e a 15 minuti dalla fine Papini sigla il gol da tre punti. La Juve Stabia vince 3-2 contro l’Aversa Normanna al termine di un partita spettacolare e rocambolesca. Le vespe passano in vantaggio con Gammone, ma si fanno raggiungere da un rigore di Mosciaro. I padroni di casa restano in 10 ma nonostante l’inferiorità numerica tornano avanti con Bombagi. Gli ospiti reagiscono nuovamente e pareggiano con Capua, poi è Nicastro a realizzare il definitivo 3-2. Il Melfi compie il colpaccio della giornata e vince 3-2 in rimonta sul campo della Casertana.

 

lecce

Il Messina non sa più vincere e ottiene il terzo pareggio consecutivo della gestione Di Costanzo. I giallorossi chiudono infatti sullo 0-0 contro il Martina Franca e restano sempre in zona retrocessione. Finisce con un pareggio a reti bianche l’incontro tra Cosenza e Savoia. Ritmi bassi durante tutta la partita e un pari che permette comunque ai rossoblù di allungare a 8 la striscia di risultati utili consecutivi. Situazione diversa invece per i campani che rimangono nelle zone basse della classifica. Altro 0-0 quello andato in scena tra Lupa Roma e Vigor Lamezia. Dopo i tre pareggi nelle gare pomeridiane del giovedì, Matera e Foggia regalano spettacolo e i pugliesi trionfano 5-2. I rossoneri sbloccano il punteggio con Gigliotti, ma ad inizio secondo tempo i padroni di casa ribaltano tutto con Letizia e Carretta. Il Foggia non ci sta e si rialza subito pareggiando i conti con Sarno. Il Matera accusa il colpo e gli ospiti ne approfittano per riportarsi in vantaggio con Iemmello. Nel finale trovano gloria anche Maza e Sicurella.

Francesco Carbone