CONDIVIDI

Nell’anticipo della 25esima giornata del girone c di lega pro il Lecce batte 2-0 la Paganese e conquista la terza vittoria nelle ultime quattro partite. La Salernitana archivia in scioltezza la pratica Melfi, grazie a due gol firmati da Negro e Trevisan tra il 21′ e il 25′ della prima frazione. Terza vittoria consecutiva e tre punti per proseguire nell’avvincente tragitto verso la Serie B. Seconda vittoria consecutiva per l’Aversa Normanna che sbanca il “Mazzella” di Ischia e torna a sperare nella salvezza. Gli ospiti passano in vantaggio con un rigore di De Vena, l’Ischia non ci sta e nella ripresa trova il gol del pari con Infantino, ma il gol che decide la partita lo mette a segno Amelio, che insacca il pallone all’incrocio dei pali e manda al tappeto l’Ischia. Il Barletta espugna il Giraud di Torre Annunziata di misura. A decidere è una rete di Ameth Fall, che torna al gol e beffa Gragnaniello. I biancorossi soffrono, ma ottengono tre punti preziosissimi salendo così a quota 35 in classifica. Un Foggia poco propositivo e incisivo rispetto al solito non va oltre il pareggio in casa contro Vigor Lamezia. Il Benevento di mister Brini risponde a tono alla vittoria della Salernitana a Melfi, e torna a casa con altri tre punti pesanti dalla Puglia. A soccombere alla Strega è stato il Martina Franca: il fortino pugliese ha resistito per 49 minuti, fino al gol di bomber Eusepi, lesto a depositare in rete un assist al bacio di Alessio Campagnacci. Una vittoria che consente alla truppa di Brini di consolidare il primato e portarsi a 56 punti.

bene

Pari a reti inviolate tra Reggina e Juve Stabia: le due squadre, oltre a spartirsi la posta in palio, si dividono anche la supremazia territoriale nelle due frazioni di gioco. Bene la Reggina nella prima: Masini ci prova al 20′ e un calcio di punizione di Armellino crea scompiglio in area delle vespe. Nella ripresa, salgono le vespe, che però restano in 10 al 41′ per l’espulsione di Cancellotti. E così, nel finale, Pisseri è chiamato al miracolo sulla conclusione di Viola.Il Catanzaro si aggiudica il derby del “Ceravolo” contro il Cosenza imponendosi per 1-0. Decisivo un gol di Bernardo segnato al primo minuto del secondo tempo. Seconda sconfitta consecutiva per la Lupa Roma, che cade anche in casa contro il Matera. Recriminano Cucciari e i suoi per un calcio di rigore non concesso al 40’ della ripresa per fallo su Tajarol, ma la vittoria del Matera è più che meritata. Gli ospiti passano subito in vantaggio con una discesa sulla sinistra di Madonia, sul cui cross basso è bravo e puntuale Carretta per la correzione in rete. Poco prima del fischio finale arriva il 2-0 con Madonia, che tira quasi dalla linea di fondo trovando le mani incerte di Santi che deviano la palla nella sua rete. La Casertana batte 3-1 il Messina e si avvicina alla zona playoff. Nel secondo tempo, quando il Messina resta in dieci, i padroni di casa hanno più spazi e al 66′ Mancino segna con un bel diagonale. Il 2-0 porta la firma di Caccavallo all’88’, ma due minuti dopo il Messina accorcia le distanze con Orlando. In pieno recupero ancora Orlando,autore di una doppietta,fissa il punteggio sul definitivo 3-1.

Francesco Carbone