CONDIVIDI

Si gioca al Maracanà la finalissima dei Mondiali di Brasile 2014 tra Germania e Argentina. I tedeschi,che in semifinale hanno disintegrato il Brasile,inseguono il loro quarto titolo; la Seleccion di Sabella sogna invece di alzare la sua terza coppa del mondo,proprio in Brasile. Tutto confermato in casa Argentina. Non ce la fa Di Maria, che va in panchina. Al suo posto Enzo Perez. Cambio in corsa per la Germania, con Kramer che sostituisce Khedira che si è fatto male nel riscaldamento.

Il primo tempo parte subito a ritmi elevati e la prima occasione è per gli argentini. Contropiede fulmineo con Higuain dalla destra che entra in area e incrocia col mancino, palla che esce non di molto dal secondo palo coperto da Neuer. E’ la Germania che prova a fare la partita nei primi minuti, ma senza creare alcun problema a Romero. Al 21′ clamorosa occasione per l’Albiceleste. Retropassaggio incredibile di Toni Kroos che non vede Higuain e gli serve sul piatto d’argento un pallone perfetto. L’attaccante del Napoli,però, controlla male e spara fuori a tu per tu con Neuer. Alla mezz’ora tre contro tre dell’Argentina con Lavezzi che mette in mezzo dalla sinistra, Higuain stavolta non sbaglia e buca Neuer ma il Pipita è in fuorigioco di circa mezzo metro. La Germania non ci sta e reagisce. Muller parte sulla sinistra,alza la testa e serve con un retropassaggio l’accorrente Schurrle che spara di prima intenzione sul secondo palo,ma Romero dice di no respingendo con i pugni. La più grande occasione del primo tempo è per i tedeschi. Corner perfetto di Kroos, colpo di testa di Howedes che si infrange sul palo a Romero battuto.
Finisce 0-0 un primo tempo molto equilibrato, ma con tantissime occasioni da gol. L’Argentina gioca molto in contropiede, la Germania prova a fare la partita.

Partenza di ripresa lanciatissima per la Seleccion. Biglia serve Messi, difesa tedesca ancora ballerina: il giocatore del Barcellona entra in area dalla sinistra, alza la testa e ci prova con un rasoterra angolatissimo che fa la barba al palo. Lenta la manovra della Germania, che non riesce a trovare i cambi di gioco. Schurrle ci prova dalla lunga distanza,ma la palla termina lontana dallo specchio. Momento di confusione della partita, lo spettro dei supplementari comincia ad aleggiare al Maracanà. All’81’ ci prova la Germania. Ozil dalla destra mette in mezzo, Kroos arriva col piattone dal limite dell’area. Rasoterra che esce di un metro alla sinistra di Romero.
Finisce 0-0 anche il secondo tempo. Per la terza volta consecutiva, la finale del Mondiale va ai supplementari.

gotze

La Germania parte forte nel primo tempo supplementare. Gotze taglia in due la difesa avversaria,mette in mezzo un retropassaggio per Schurrle che spara di prima intenzione su Romero. Tiro potente ma centrale, Romero d’istinto smanaccia. Gara intensa, si soffre tanto. Squadre lunghe, la stanchezza si fa sentire. L’Argentina risponde all’occasione tedesca con Palacio,che servito da Rojo,stoppa di petto ma si allunga il pallone e poi non riesce a trovare la porta con un pallonetto difficile. Nel secondo tempo supplementare proprio quando la partita sembrava ormai destinata ai rigori,la Germania si porta in vantaggio. Schurrle se ne va sulla destra come un fulmine, mette dentro per Gotze che a differenza di Palacio, stoppa bene di petto e in girata al volo mette alle spalle di Romero. Pressing asfissiante dell’Argentina, ma la Germania fa muro e protegge il vantaggio.
Finisce 1-0. Un gol di Gotze al 112′ regala il quarto titolo mondiale ai i tedeschi.

Francesco Carbone