CONDIVIDI

Il penultimo ottavo di finale vede scendere in campo la stella più attesa: Leo Messi è pronto a guidare l’Argentina contro la Svizzera. Sabella schiera lo stesso 11 dell’ultimo match contro la Nigeria,con Messi fiancheggiato dal Pipita Higuain e da Lavezzi. La Svizzera si affida al centrocampo “napoletano” formato da Inler e Behrami, e all’estro di Shaqiri,autore di una tripletta nell’ultima partita con Honduras.

Buon avvio dell’Argentina, che pressa e recupera tanti palloni. E’ dominio Argentina nei primi minuti,pur senza trovare spazi nella difesa svizzera,ma la prima occasione del match è proprio degli elvetici. Shaqiri salta Rojo sulla destra,palla in mezzo per Xhaka,ma Romero dice no coi piedi. Reazione dell’Argentina con un angolo perfetto di Di Maria destinato a Garay,che per poco non trova il vantaggio. Si è accesa la gara: in un’azione di contropiede Shaqiri trova Drmic,che davanti a Romero cerca un improbabile tocco sotto e si divora il gol del vantaggio.
Termina 0-0 un primo tempo divertente ed combattuto da entrambe le squadre,caratterizzato da un grande equilibrio a centrocampo.

Il secondo tempo si apre con l’Argentina che spinge,ma non riesce a trovare spiragli per impensierire Benaglio. Al 59′ Messi avanza centralmente e scarica per Rojo: il terzino dell’Albiceleste effettua un buon tiro, parato in qualche modo da Benaglio. Argentina ancora pericolosa. Grande girata di Higuain, ma Benaglio è attento e alza in corner. Poco dopo Messi vicinissimo al gol. Colpo di testa di Schar ad anticipare Higuain, la palla arriva a Messi che controlla di petto e calcia a scendere: palla alta di poco. Ancora Argentina vicinissima al gol,prima con Palacio e poi con Messi che calcia fortissimo,ma Benaglio dice nuovamente di no.
Nonostante la grande pressione argentina,il match non si schioda dallo 0-0.

argentina

Buona Svizzera nel primo tempo supplementare. L’Argentina è esausta e non ne ha più per attaccare gli elvetici. Nei secondi 15 minuti sinistro terrificante di Di Maria,straordinario il portiere svizzero che mette in corner un pallone indirizzato all’incrocio dei pali. L’Albiceleste attacca in maniera estenuante e trova il gol che sblocca la partita al 118′ con Angel Di Maria. Giocata fenomenale di Messi, che serve Di Maria: tiro a giro di prima sul secondo palo e Benaglio battuto. Nel finale di partita calcio d’angolo svizzero,spizzata di Drmic e clamoroso palo colpito da Dzemaili. Succede di tutto negli ultimi minuti. Di Maria sfiora il raddoppio. Dribbling su Rodriguez e tiro da centrocampo con la porta vuota e palla che sfiora il palo.
Termina 1-0 il match. Decide Di Maria che trascina l’Argentina ai quarti.

Francesco Carbone