CONDIVIDI

Taylor_Navas_Mondiale_CostaRica

La Costa Rica è tra le migliori otto al mondo qualificandosi ai quarti contro la Grecia battuta ai rigori per 5-4. Continua la favola della squadra di Pinto che ora affronterà l’Olanda di Van Gaal.

La partita è molto bloccata, la posta in palio è altissima e le squadre fanno fatica ad imporsi in campo. La prima occasione arriva al 37’ con Salpingidis ma Navas è bravissimo a mettere in angolo.

Nel secondo tempo pronti via e la partita esplode: Ruiz con un tocco finissimo da fuori area porta in vantaggio la sua squadra. La Grecia non molla e trova prima l’espulsione di Duarte e poi allo scadere il gol del pareggio con Sokratis che raccoglie una corta respinta di Navas e fa esplodere la panchina ellenica. La partita va ai supplementari.

Nella prima frazione del primo tempo supplementare le squadre sembrano statiche e impaurite e la partita ne risente.

Nella seconda parte la Grecia cerca di evitare i tiri dal dischetto e prova a rendersi pericoloso con Gekas ma Navas è bravo a dire di no. Occasione colossale al 111’ quando la Grecia parte in contropiede 5 contro 2 sfruttata malissimo dai giocatori greci. L’ultima occasione per evitare la lotteria di rigori è di Mitroglu ma Navas compie un autentico miracolo.

Ai calci di rigore inizia la Costa Rica con Borges che tira centrale e supera Karnezis.

Per la Grecia il primo è Mitroglu che in maniera chirurgica insacca per 1-1.

Secondo rigore per Ruiz che sigla il gol del 2-1.

Il secondo rigorista per la Grecia è Lazaros del Bologna che non ha problemi e firma il 2-2.

Terza batteria di rigori con Gonzales per la Costa Rica che calcia centrale e porta gli americani sul 3-2.

Per la Grecia c’è Holebas: 3-3.

Quarto rigore per Campell, protagonista di questo mondiale, che è perfetto per il 4-3.

La Grecia risponde con Gekas ma Navas para indovinando l’angolo destro.

Il match point è nei piedi di Umana che non sbaglia e porta la Costa Rica ai quarti di finale di un Mondiale per la prima volta. Per la Grecia un’eliminazione cocente.

Luigi Iervolino