CONDIVIDI

image

L’Uruguay reagisce dopo la sconfitta contro la Costa Rica e batte 2-1 l’Inghilterra e vede riaccendersi le speranze dell’accesso agli ottavi di finale. Per l’Inghilterra il mondiale brasiliano finisce praticamente questa sera. Solo un miracolo calcistico può consentire il passaggio del turno agli inglesi.
L’Inghilterra parte forte e mette pressione alla selezione uruguaiana guidata da un Suarez non in perfette condizioni. La prima occasione arriva da un calcio piazzato di Rooney dal limite dell’area ma la sua conclusione finisce di pochissimo fuori. L’Uruguay reagisce e sfiora il vantaggio con C.Rodriguez che da solo lascia partire un tiro fortissimo che finisce di poco alto. Al 31′ occasione clamorosa per Ronney che sugli sviluppi di una punizione colpisce l’incrocio dei pali da un metro. Clamorosa occasione sprecata per i leoni d’oltremanica. Nel miglior momento degli inglesi l’Uruguay colpisce: palla morbida di Cavani per Suarez che di testa supera Hart e porta in vantaggio la “Celeste”.
Nel secondo tempo la partita è aperta perché questo risultato vorrebbe dire eliminazione per l’Inghilterra. L’Uruguay prova a far male con Cavani che davanti ad Hart sbaglia il diagonale che finisce fuori. Gli inglesi ci provano e sfiorano il gol ancora con Rooney che solo davanti a Muslera spara addosso al portiere del Galatasaray. L’Inghilterra spinge per evitare la clamorosa eliminazione e cerca il gol del pari. Al 75′ arriva il pari che fa esplodere gli inglesi sugli spalti: azione in percussione di Glen Johnson che mette in mezzo dove Rooney non si fa pregare e riporta l’Inghilterra dentro al Mondiale. Quando la partita sembra indirizzata verso i binari inglesi al 84′ l’Uruguay torna avanti a sorpresa: errore grossolano dei difensori inglesi e Suarez solo davanti a Hart non si fa pregare e sigla il 2-1. Nei minuti di recupero l’Inghilterra prova il miracolo ma non riesce nell’impresa di pareggiare e vede il suo Mondiale ormai finito. Per l’Uruguay una vittoria importante per lottare e sognare un posto agli ottavi.
Luigi Iervolino