CONDIVIDI

La ” Decima” è arrivata. Ma che partita. Al’94’ la vittoria è dalla parte dell’Atletico con il gol di Godin. Quando sembra tutto sembra finito la partita cambia: al 94 Sergio Ramos pareggia e porta il Real ai supplementari. Nei 30′ non c’è partita e il Real dilaga. Per l’Atletico una nuova beffa dopo il 1974 che perse in finale al 120′. Per L’Atletico la vittoria della Champions è ancora rinviata.
Come ogni finale che si rispetti la partita è bloccata sin dai primi minuti con la paura a farla da padrone e la voglia di non perdere. Tatticamente è la solita partita tra Atletico e Real con i colchoneros sulla difensiva e il Real a fare la partita. Le occasioni latitano fino a metá primo tempo quando la partita si sblocca: su un calcio piazzato errore di valutazione del portiere Casillas che esce troppo fuori dai pali facendosi beffare da Godin che porta in vantaggio l’Atletico. Nel secondo tempo è un assalto delle merengues: Ronaldo e Bale, assenti nella prima frazione, si svegliano nella seconda mettendo l’Atletico alle corde. Quando sembra tutto perso al 94′ avviene il miracolo: ancora su un calcio d’angolo l’uomo della Champions Sergio Ramos piazza la palla sul lato sinistro facendo esplodere i tanti tifosi accorsi a Lisbona. La partita va ai supplementari: nei 30′ minuti supplementari la maggior freschezza delle merengues si nota subito. Nel primo tempo non riesce ad incidere ma nel secondo tempo io Real Madrid domina: su un’incursione di Di Maria, l’argentino arriva davanti al portiere ma Courtois respinge alto; sul pallone si fionda Bale che insacca e fa esplodere la panchina di Carlo Ancelotti. Dopo il 2-1 il Real dilaga: il 3-1 è firmato da Marcelo con una botta secca. Dopo 2 minuti è ancora gol del Real Madrid: Godin atterra Ronaldo, per l’arbitro è calcio di rigore. Sul dischetto Ronaldo non sbaglia e chiude la partita sul 4-1. Per il Real Madrid un trionfo atteso 12 anni. La Champions torna a Madrid con un marchio italiano: Carlo Ancelotti.
Luigi Iervolino