CONDIVIDI

NAPOLI CALCIO A 5: ESORDIO CASALINGO DA DIMENTICARE. IL RIETI INFLIGGE UNA SONORA SCONFITTA AGLI AZZURRI

IMG_0840

Un passo indietro. Dopo la confortante prestazione di Pescara, che al di là della sconfitta aveva lasciato buone sensazioni sullo stato di forma azzurro, il Napoli Calcio a 5 cade fragorosamente all’esordio casalingo col Rieti, in un Centro Fipav che dopo il lifting del campo di gioco accoglieva tanti tifosi di fede napoletana.

PRIMO TEMPO SHOCK Che la sfida col Rieti sia una montagna da scalare, appare subito chiaro. Dopo sessanta secondi il Napoli è a due falli e sugli sviluppi della seconda punizione va subito sotto. Il tracciante del serbo Peric prima sbatte sul palo, poi inganna Gazolli per l’1-0. Lo svantaggio immediato fa male, ma gli azzurri reagiscono molto bene e creano tre palle gol nitide, non finalizzate per imprecisione e bravura del portiere ospite Micoli, autentica saracinesca. Il Rieti ha un fatturato pazzesco in zona gol e alla seconda occasione è già sul 2-0: è Chimanguinho ad approfittare di un posizionamento errato della difesa azzurra ed insaccare sul lato debole di Gazolli. E’ un colpo da potenziale KO, ma il Napoli ancora una volta mostra il carattere. Solo che Micoli è sempre al posto giusto al momento giusto e nega il gol a Galletto in due occasioni a stretto giro di posta. Fino al 15’ è, insomma, una gara equilibrata. Negli ultimi cinque minuti, invece, la partita scivola dalle mani dei padroni di casa. Al 17’ succede di tutto. Gli arbitri interpretano in modo discutibile un duello Botta-Chimanguinho e mandano dal dischetto dei dieci metri Zanchetta. Lo specialista ospite viene turato da Gazolli che respinge la conclusione. I direttori di gara, però, vedono un altro fallo su Zanchetta e fischiano il settimo fallo. Invertendo i fattori, il risultato non cambia: Gazolli mette in angolo. E qui gli azzurri abboccano al duplice blocco in area, con Chimanguinho che può colpire indisturbato siglando il 3-0. Gli uomini di Oranges si disuniscono e mandano ancora dal dischetto dei 10 metri i laziali. Stavolta calcia Davì che non sbaglia. Lo stesso Davì, poi, a 30’’ dallo scadere della prima frazione cala anche il pokerissimo. 0-5, troppo brutto per essere vero ma il Napoli, praticamente, è già fuori dal match a 20 minuti dalla fine.

IMG_9902

DOPPIETTA MILUCCI Nella ripresa gli azzurri scendono in campo per salvare la faccia. Mister Oranges comincia con Bico portiere di movimento. Il vice capitano si alterna con Botta e il Napoli chiude il Rieti nella sua metà campo. Il gol, però, arriva soltanto attorno al 10’, quando Milucci vince la resistenza di Micoli e scarica di forza sotto la traversa. Due minuti dopo, tuttavia, Crema ristabilisce le distanze. Gli azzurri provano almeno ad addolcire il passivo ma trovano sulla loro strada ancora uno strepitoso Micoli, capace di disinnescare gran parte delle occasioni azzurre. Crema, in quello che per tre stagioni è stato il suo palazzetto, non si impietosisce e trova altre due reti che certificano la debacle azzurra. Nel finale arriva la prima rete italiana di Rafael Adami e la doppietta di Milucci, poi Chimanguinho trova il tris personale che fa calare il sipario sulla prima azzurra al Centro Fipav. Una prima da dimenticare.

 

SALA STAMPA Tra i musi lunghi e le facce scure di fine gara, si staglia la voce di Ivan Oranges. Il tecnico non cerca scuse. Una serata decisamente no. “Non serve offrire sprazzi di buon gioco e poi vanificare tutto con errori evidenti, che sono sotto gli occhi di tutti – commenta il trainer azzurro -, fino al 2-0 abbiamo reagito con carattere, poi la partita ci è scivolata di mano. Nel finale di tempo ci è mancata la lucidità per andare al riposo con un risultato diverso e provare a rimettere in piedi la partita nella ripresa. Sul 5-0 la gara era praticamente finita e il portiere di movimento era la scelta migliore per provare ad alzare il ritmo e rianimarci. Qualcosa di buono lo abbiamo creato, ma ormai era troppo tardi. Dobbiamo analizzare con attenzione questa partita e ripartire. La lezione è sempre quella: in serie A certe leggerezze non possiamo permettercele perchè gli altri accettano i regali, li impacchettano e li portano a casa. Mi aspetto una reazione che sia di carattere e maturità”.

NAPOLI-REAL RIETI 3-9 (0-5 p. t.)

NAPOLI: Gazolli, Adami, Bico, Dudù Costa, Simon, Galletto, Botta, Canneva, Milucci, Pazzi, Marcelinho, Bellobuono. All. Oranges

REAL RIETI: Micoli, Peric, Crema, Jeffe, Chimanguinho, Scappa, Davì, Zanchetta, Caio, Dan, Guennounna, Dal Cin. All. Patriarca

MARCATORI: 1’01’’ p.t. Peric (R), 9’53’’ e 17’01’’ Chimanguinho (R), 17’48’’ e 19’30’’ t.l. Davì (R), 9’48’’ s.t. Milucci (N), 11’23’’, 15’20’’ e 16’47’’ Crema (R), 17’24’’ Adami (N), 17’56’’ Milucci (N), 19’01’’ Chimanguinho (R)

AMMONITI: Galletto (N), Gazolli (N) Jeffe (R)

ARBITRI: Mauro Albertini (Ascoli Piceno), Andrea Sabatini (Bologna) CRONO: Enrico Pagano (Torre Annunziata)

 

UFFICIO STAMPA NAPOLI CALCIO A 5