CONDIVIDI

IVAN ORANGES

Esordio no. Il Napoli Calcio a 5 torna da Pescara sconfitto sul campo ma rinvigorito nel carattere da una prova confortante. Gli azzurri restano in partita fino alla fine e la sconfitta, larga nelle proporzioni, non rende giustizia alla prestazione dei ragazzi di Oranges.

PRIMO TEMPO DI CARATTERE L’approccio alla gara è quello giusto. Il Napoli messo in campo da Oranges ha corsa e lucidità. Nella porta del Pescara, però, c’è un certo Capuozzo. Ex di lusso, campano doc, arrivato a Pescara nell’ultimo giorno di mercato per mettere una pezza all’infortunio di Garcia Pereira, anche lui fresco ex azzurro. Capuozzo fa il fenomeno e dice di no a Marcelinho e Botta. Al 13’ però il Pescara capitalizza una delle poche occasioni create con Nicolodi, che da fuori area trova la rete che sblocca il match. Equilibrio totale, si va al riposo col Napoli che recrimina per uno svantaggio che non ci sta.

LA GARA FINISCE SUL 2-1 Il Napoli comincia la ripresa con spirito guerriero e, grazie a Vincenzo Botta, trova la rete del meritato pareggio. Il gol arriva dopo una carambola con Capuozzo, ma è l’attestato dell’equilibrio in campo. La gara prosegue su questo binario fino al 12’ quando Rogerio si guadagna un calcio di rigore sul quale resta qualche dubbio. Dal dischetto Nicolodi raddoppia. Il 3-1 di Canal, su bel taglio di Leggiero, indirizza nettamente la partita. Ivan Oranges mette il portiere di movimento, il Napoli tiene il possesso ma non incide. I minuti passano e le speranze si affievoliscono. La pietra tombale sul match la deposita Ercolessi: suo il 4-1. A 30’’ dalla fine, poi, arriva anche il sigillo di Leggiero che punisce oltremodo un Napoli guerriero.

SALA STAMPA A riassumere il parere positivo sulla prestazione azzurra, nonostante la sconfitta, è Stefano Salviati, DG napoletano. “Sono davvero soddisfatto per la prestazione dei ragazzi – commenta il dirigente – che hanno dato l’anima in campo. Fino al 3-1 abbiamo giocato alla pari contro una squadra che annoverava tra le sue fila campioni d’Italia e campioni d’Europa, anche se oggi tra le fila dei pescaresi spicca la prestazione di Capuozzo, ai quali vanno i miei complimenti per come ha impattato con la serie A dopo qualche anno di assenza. Siamo a buon punto e la prestazione di oggi ci dice che probabilmente abbiamo costruito un gruppo di valore. Complimenti a tutti, benissimo anche gli “italiani napoletani” Botta, Milucci e Galletto. Hanno giocato alla grande e retto il confronto con i grandi campioni che erano in campo”.

 

PESCARA-NAPOLI 5-1 (1-0 p.t.)

PESCARA: Capuozzo, Ercolessi, Rescia, Rogerio, Canal, Leggiero, Caputo, Morgado, Ferri, Nicolodi, Pietrangelo, Tatonetti. All. Colini

 

NAPOLI: Gazolli, Dudù Costa, Botta, Bico, Marcelinho, Galletto, Canneva, Simon, Milucci, Pazzi, Adami, Bellobuono. All. Oranges

MARCATORI: 13’43’’ p.t. Nicolodi (P), 3’04’’ s.t. Botta (N), 12’34’’ rig. Nicolodi (P), 15’34’’ Canal (P), 17’21’’ Ercolessi (P), 19’33’’ Leggiero (P)

 

AMMONITI: Adami (N), Rogerio (P), Ercolessi (P), Caputo (P

ARBITRI: Angelo Galante (Ancona), Ferruccio Prisma (Crotone) CRONO: Simone Micciulla (Roma 2)

 

UFFICIO STAMPA NAPOLI CALCIO A 5