CONDIVIDI
Fonte internet
Fonte internet

La stagione regolare in Nba si è chiusa da pochi giorni,una stagione che ha regalato qualche certezza e numerose sorprese. La prima certezza arriva da Ovest, i San Antonio Spurs hanno dimostrato anche quest’anno di essere “immortali”; Popovich dopo aver perso il titolo nella scorsa stagione contro Miami,ha dato nuovamente fiducia ai big Three (Parker-Ginobili-Duncan) che ancora una volta nonostante l’età, hanno dimostrato di essere decisivi.  Un ottimo contributo al trio delle meraviglie è arrivato da Marco Bellinelli,che si è integrato alla perfezione nel sistema di gioco di Popovich,risultando alla fine fondamentale per la conquista della leadership di San Antonio,che avrà il fattore campo per tutto l’arco dei playoff. Un’altra certezza di questa stagione porta il numero 35 e gioca ad Oklahoma, KD ha disputato una stagione regolare mostruosa,coronata dai 42 punti nell’ultima partita disputata, valida per il secondo posto alle spalle degli Spurs. Salvo imprevisti KD vincerà anche il titolo di Mvp della stagione,spazzando via la concorrenza dei vari:LeBron,Noah,George e Paul. Miami e Indiana hanno chiuso questa prima parte di stagione in netto calo,Indiana ha comunque conservato il primato ad Est,ma è calata paurosamente dopo gennaio. Miami si è spenta negli ultimi due mesi collezionando numerosi passaggi a vuoto,ma resta comunque la favorita d’obbligo per il titolo. Una piacevole sorpresa è arrivata dai Los Angeles Clippers che nell’anno dell’insediamento di Doc Rivers hanno chiuso al terzo posto ad Ovest, il sistema di gioco dei Clippers è forse il migliore dell’intera lega,gestito magistralmente da Cp3 e dalla solidità di Griffin e Jordan. Ad Est le sorprese si chiamano Toronto e Charlotte,i canadesi erano partiti senza troppe pretese e hanno chiuso addirittura al terzo posto; Charlotte invece ha conquistato per la seconda volta nella storia il pass per la post-season,per la gioia del proprietario Michael Jordan. La grande delusione si chiama New York Knicks,nonostante un quintetto All-Star, Anthony e soci hanno fallito addirittura l’accesso ai playoff, l’arrivo nella dirigenza di Phil Jackson è indicativo,la prossima stagione sarà rifondazione totale per i Knicks.

fonte internet
fonte internet

Questo doveva essere l’anno dei grandi ritorni,Kobe Bryant dopo il grave infortunio al tendine d’Achille è tornato a calcare i campi della lega ma solo per poche partite,un nuovo infortunio (Ginocchio out ) lo ha messo ko per l’intera stagione, e insieme a lui sono finiti i sogni di gloria dei Lakers che hanno chiuso una delle peggiori stagioni dell’intera storia di franchigia. Discorso analogo per Rose,che dopo essere stato fuori per l’intera stagione 2012/2013 è tornato in campo ai nastri di partenza,ma anche qui il fato non è stato generoso (operazione al menisco) ma a differenza dei Lakers,i Chicago Bulls hanno reagito diversamente, trasformando la “dipartita” di Rose in un punto di forza, trovando in Noah un fantastico uomo squadra,i Bulls hanno chiuso la stagione al quarto posto ad Est. Positivi anche i ritorni in campo di Rondo e di Russell Westbrook,quest’ultimo arriva ai playoff in grande forma e potrebbe risultare decisivo per la corsa al titolo di Oklahoma. La Mina vagante nei playoff potrebbe essere Brooklyn,che dopo un avvio di stagione da dimenticare ha  ingranato la marcia giusta nel 2014,Pierce e compagni potranno far valere la loro esperienza nella post-season. Tutto è pronto per i playoff,adesso le certezze non valgono più,inizia un nuovo torneo e i veri valori verranno fuori, non resta che goderci lo spettacolo del campionato più spettacolare del mondo…We love this game!

Vincenzo Torino