CONDIVIDI
Noah (fonte internet)
Noah (fonte internet)

Indiana contro Detroit recupera uno svantaggio di 25 punti portando così la partita al supplementare,qui sale in cattedra West che segna ripetutamente dalla media e regala il successo ai Pacers per 104-112,per Detroit (Datome Ne.) non bastano i 23 punti  di Smith. Philadelphia continua a conseguire record su record,peccato per i tifosi che sono record negativi, contro Memphis i 76 perdono la 20° partita di fila eguagliando cosi la peggiore striscia della propria storia. La partita non è mai stata in discussione, Memphis ha vinto facilmente 77-103,ruotando anche tutta la panchina,per Philadelphia adesso l’obiettivo è quello di ritrovare  la vittoria per non raggiungere i Bucks in fondo alla classifica. Atlanta contro Denver vince la terza partita consecutiva 92-97,lasciando cosi alle spalle il mese nerissimo di Febbraio. La gara è  stata tirata per tutto l’arco del tempo, a 40’’ dal termine sotto di 1 punto, Antic segna dall’angolo la tripla del sorpasso in faccia al povero Faried, Denver sull’altro lato del campo fallisce la conclusione e la partita si chiude con i liberi di Korver  che mette la firma definita sulla gara. Nella sfida per il quinto posto ad Est,Washington vince sui Brooklyn Nets ancora privi di Garnett. Wall sfodera una prestazione da 33 punti e 6 assist,inutili invece i 19 punti dalla panchina di Thornton,il finale è 101-94. Dopo aver strapazzato gli Houston Rockets, i Bulls vincono anche contro i Kings 94-87. I protagonisti sono sempre gli stessi: Noah e Gibson, il primo sta sorprendendo tutti infilando una striscia di partite fenomenali,nella notte ha chiuso con 23 punti, 11 rimbalzi e 8 assist; Gibson entrando dalla panchina ne mette 19,segnando anche il jumper dalla media che ha chiuso la partita. New York continua la sua caccia ai playoff battendo i Milwaukee Bucks 115-94, la notizia del giorno però in casa Knicks è l’arrivo di Phil Jackson,che non siederà in panca,ma guiderà l’’orchestra da dietro la scrivania, staff tecnico e giocatori saranno chiamati a dimostrare in queste ultime partite di meritare la maglia di New York per la prossima stagione.

Vincenzo Torino