CONDIVIDI
Fonte: rete internet
Fonte: rete internet
Fonte: rete internet

Il 2013 è stato ancora l’anno di Siena. La stagione 2012/2013 è quella della rivoluzione in casa Montepaschi, via Coach Pianigiani e i senatori Stonerook e Lavrinovic, promosso come capo allenatore Luca Banchi vice dello stesso Pianigiani, da Pesaro arriva Daniel Hackett e poco altro sul fronte del mercato. La stagione regolare è stata dominata dalla Cimberio Varese, che chiude davanti a Sassari e Roma, la grande delusa è ancora una volta l’Armani Milano che si deve accontentare della quarta piazza, alle spalle di Milano c’è proprio Siena che chiude quinta.Gigi Datome vince il titolo di Mvp del campionato e in estate vola in Nba alla corte dei Detroit Pistons. I playoff sono vibranti, le due deluse Siena e Milano si affrontano al primo turno, Milano si porta subito sul 2-0 ma incredibilmente Siena risorge  e a gara 7 in trasferta stacca il pass per la semifinale. Varese ha la meglio su Venezia piazzando un secco 4-0, Roma passa contro Reggio Emilia e Cantù ribalta il fattore campo asfaltando Sassari. Le semifinali si risolvono entrambe  a gara 7, a sorpresa cade Varese e ancora una volta Siena è in finale, sul fronte opposto Datome porta i suoi verso una storica finale, Roma e Siena si affrontano per il titolo, qui l’’esperienza di Siena viene fuori,  Hackett è incontenibile e dopo solo 5 partite Siena si laurea per l’ottava volta campione d’Italia (settimo titolo consecutivo).  Dal 4 al 22 settembre la Slovenia ha ospitato gli Europei di Basket, le tappe di avvicinamento  per la nostra nazionale equivalgono ad un dramma, Pianigiani perde per infortunio vari pezzi del suo mosaico, sono out tra gli altri: Bargnani, Hackett, Gigli e capitan Mancinelli in pratica l’ossatura della squadra, a farsi carico di un peso cosi grande ci pensano Belinelli e Datome, l’Italia butta il cuore oltre l’ostacolo, fa della difesa e del tiro dai 3 punti la sua arma per la vittoria, nella prima fase chiude imbattuta,cadono squadre ben più blasonate come la Spagna (campione uscente) e la Grecia di Coach Trincheri. Questo è pero un torneo massacrante, si gioca ogni due giorni e nella seconda fase gli azzurri pagano la panchina corta,basterebbe una sola vittoria per garantirsi l’accesso ai Mondiali del 2014, che però non arriva, i nostri ragazzi  arrivano senza benzina all’ultima partita, in pratica uno spareggio con la Lettonia, che seppur non irresistibile ha la meglio sui nostri ragazzi,onore ai nostri r che hanno venduto comunque cara la pelle in terra Slovena. La stagione 2013/2014 si apre ancora con un successo per Siena, che porta a casa la Supercoppa battendo Varese per 81-66, si ha però la sensazione che il ciclo di Siena  sia finito, i noti problemi della banca Montepaschi di Siena (sponsor principale) hanno ancora portato ad una rivoluzione, via Coach Banchi e Moss passati nelle file di Milano, che nel mese di dicembre strapperà ai campioni in carica anche Daniel Hackett, l’anno si chiude con ben cinque squadre in testa (Siena-Roma-Brindisi-Cantù-Sassari) e Milano staccata di sole due lunghezze, si chiude cosi l’anno cestistico  con diverse squadre in lotta per il titolo, si preannuncia un 2014 spettacolare.

Vincenzo Torino