CONDIVIDI
Fonte internet
La giocata decisiva (f.i.)

L’italia di Messina con una vittoria al cardiopalma contro la Georgia strappa il terzo posto nel girone e vola agli ottavi di finale. Una vittoria quanto mai sofferta, arrivata grazie alla stoppata di Datome su Shermadini sul filo della sirena. L’Italia con questa vittoria ha si evidenziato ancora una volta le sue molteplici lacune ma ha anche mostrato un grande carattere. Che questa nazionale non era fatta da fenomeni lo si era capito in tempi non sospetti, l’infortunio di Gallinari in preparazione ha poi tolto a Messina una delle primissime “bocche di fuoco” in attacco. Gli azzurri hanno grandissime difficoltà nel trovare la via del canestro, quando le percentuali da 3 scendono (come con la Germania) le soluzioni offensive sono davvero ridotte all’osso. Quello che manca in attacco però viene sopperito da una grande e intensa difesa di squadra, questa è l’unico punto su cui poter far affidamento in vista degli ottavi di finale contro la Finlandia. Paradossalmente all’Italia è servita la sconfitta contro la Germania, infatti i tedeschi “grazie” a quella vittoria hanno strappato il secondo posto nel girone, magro bottino visto che se la dovranno vedere con la Francia di Diaw. L’Italia si ritroverà comunque al cospetto di un’ottima squadra, una delle vere rivelazioni di questo torneo. La stella dei finlandesi è il rookie dei Bulls, Markkanen, un classe 1997 che ha fatto intravedere tutto il suo potenziale in questa prima parte di torneo. Gli azzurri partiranno comunque con i favori del pronostico, se non altro per la maggior esperienza a livelli internazionale dei vari Belinelli e Datome. Passare il turno potrebbe aprire delle prospettive del tutto diverse, l’Italia arriva a questi ottavi con l’entusiasmo di una vittoria sofferta ed entusiasmante, bisogna ripartire da qui. La nazionale beneficerà adesso di due giorni di riposo, l’appuntamento con la Finlandia è fissato per sabato alle 17.45.

Vincenzo Torino