CONDIVIDI
Italia-Lituania (f.i.)

Italia- Lituania 78-73:

l’avvio azzurro è veemente, la palla circola con grande fluidità nei minuti iniziali e le percentuali dall’arco dei tre punti ne sono la prova (4/4 in avvio). La Lituania però non barcolla sotto il peso della triple azzurre e con pazienza ricuce il gap grazie ad uno straordinario Kuzminskas. Il primo quarto si conclude in perfetta parità (23-23).

Il secondo quarto è tutto di marca Lituana, le loro spaziature in attacco aprono il campo e l’Italia va così in difficoltà soprattutto a rimbalzo.La maggior profondità della panchina Lituana si sente tutta, Messina prova a ruotare la panchina azzurra ma le risposte non sono adeguate. All’intervallo gli azzurri vanno sotto di 9 punti (41-32).

Al ritorno in campo Messina manda in campo Baldi Rossi, complice l’infortunio di un positivo Melli. La Lituania controlla il ritmo della partita, Juskevicius colpisce ad ogni affondo la difesa azzurra che comunque non tracolla. La garra di Filloy e l’energia di capitan Datome tengono a galla l’Italia che si presenta all’ultimo quarto sotto di 8 (57-49).

Messina nel quarto periodo mescola le carte con un quintetto piccolo, capitan Datome mette tutto il suo talento a servizio della squadra da quattro. Gli azzurri ribattono colpo su colpo riuscendo a ricucire lo svantaggio di soli 6 punti ma non va più avanti di così. La tripla finale di Datome fissa il punteggio sul 78-73 per i Lituani.

Gli azzurri non escono ridimensionati da questa gara, per larghi tratti l’Italia ha lottato alla pari contro una squadra nettamente più talentuosa e profonda. Se gli azzurri riusciranno a mantenere l’intensità vista oggi si potrà lottare contro chiunque a questi giochi Europei.

Vincenzo Torino