CONDIVIDI
Fonte internet

Brooklyn Nets – Philadelphia 76  100-91

Il mago Bargnani (f.i.)
Il mago Bargnani (f.i.)

Il mago è tornato, almeno per una notte Bargnani è ritornato ai fasti di un tempo, firmando 23 punti utilissimi per la vittoria dei Nets contro Philadelphia. Il mago ha messo in campo tutte le sue qualità, spolverando soprattutto il tiro dalla media che da sempre è il suo marchio di fabbrica. Brooklyn conquista così una vittoria importante quanto scontata visto che Philadelphia ha un record di stagione terrificante (1-22), guardare ai playoff per i Nets sarà quasi impossibile, ma con un Bargnani così almeno ci si può divertire al Barclays Center.

Sacramento Kings- New York Knicks 99-97

Sacramento vola sulle ali del duo Rondo-Cousins, i due nella notte sono stati fenomenali, Rondo ha  sfiorato la tripla doppia  (16 p.- 12 a. 9 r.) dimostrando ancora una volta di essere uno dei primissimi play dell’intera lega; Cousins ha spazzato via il rookie Porzingins con 11 rimbalzi e 27 punti. Per Belinelli una notte da comprimario con 6 punti messi a referto in meno di 20’, sempre utile la guardia italiana. Per i Kings il bilancio in stagione è di 9 vinte e 15 perse, ancora troppo poco per una squadra che è partita con dichiarate ambizioni di post season.

Chicago Bulls- Los Angeles Clippers 83-80

Paul vs Rose (f.i.)
Paul vs Rose (f.i.)

Succede di tutto a Chicago, i mattatori del primo periodo sono da una parte Griffin con 8 punti consecutivi e dall’altra Gasol che mette una preziosa tripla al fischio della sirena. Dopo il buon avvio, l’attacco dei Clippers si inceppa, il 3 su 23 dal campo fa imbufalire Doc Rivers che va negli spogliatoi sotto di 9. Il secondo tempo inizia nel peggiore dei modi per i Clippers, Griffin commette il suo secondo fallo anti-sportivo che gli vale l’espulsione dalla gara, nonostante questo Los Angeles resta in partita. L’ultimo periodo è di grande equilibrio, negli ultimi secondi gli ospiti hanno la palla del pareggio ma le speranze si spengono sulla tripla di Paul che non trova il fondo della retina. Chicago conquista una preziosa vittoria e si riscatta dopo le tre sconfitte consecutive, per i Clippers resta la buona prestazione che però lascia l’amaro in bocca ai tifosi.

Oklahoma City- Atlanta Hawks  107-94

Oklahoma  mette il turbo nel quarto periodo e conquista la vittoria contro Atlanta, decisivo manco a dirlo Durant con una tripla doppia da: 25 punti- 12 rimbalzi e 10 assist, semplicemente un marziano. I Thunder si confermano la terza forza ad Ovest con questa vittoria, alle spalle degli Spurs e di Golden State che almeno per il momento appaiono irraggiungibili.

Vincenzo Torino