CONDIVIDI
(fonte internet)
(fonte internet)

Finalmente ci siamo, dopo tante amichevoli e tante chiacchiere, la nazionale di basket allenata da Simone Pianigiani è pronta a fare il suo esordio agli Europei. Il torneo presenta un importante novità, infatti le fasi del torneo saranno spalmate in diverse nazioni (Croazia-Francia-Lettonia-Germania), Lille avrà poi l’onere di ospitare la fase conclusiva. L’Italia dopo tanti anni si presenta alla competizione carica di aspettative e speranze, qualcuno ha definito la nazionale di Pianigiani come la più forte di sempre, etichetta molto pesante da portare. L’Italia non agguanta un risultato positivo dalle olimpiadi di Atene, era il 2004 e Pozzecco e company portarono il tricolore sul secondo gradino del podio. Il talento quest’anno c’è e questo è oggettivo, i vari Datome,Gallinari,Bargnani,Gentile e Belinelli hanno talento offensivo da vendere, anche i ricambi sono di qualità (Hackett-Cinciarini su tutti) e il coach è ormai navigato. La fase di avvicinamento alla competizione ha confermato il talento di questi uomini, ma sono evidenti anche le difficoltà difensive della squadra, soprattutto a rimbalzo; questa squadra deve sempre giocare al massimo, i ritmi dovranno essere alti se si vuole proteggere l’area, altrimenti si rischia di capitolare prima del previsto. Il girone dell’Italia è il b (sono tre i gironi), capitan Datome guiderà i suoi contro : Spagna, Serbia, Turchia, Germania e Islanda. Le prime quattro accederanno alla seconda fase, le altre due oltre a dire addio all’Europeo perderanno le proprie speranze per Rio 2016, infatti la competizione rappresenterà un importante via di accesso verso le olimpiadi brasiliane. L’esordio è previsto il 5 settembre contro la Turchia, gara assolutamente da non fallire, la “tavola” è apparecchiata, bisogna solo sedere e servirsi, in bocca al lupo ragazzi.

Vincenzo Torino