CONDIVIDI

Una poltrona per due. Così si può riassumere la partita tra Gimam Ags ed Arzano.

Sono appaiate al terzo posto, sono il fiore all’occhiello del volley campano cadetto, una ha già assaporato l’eccitante ebbrezza della massima serie, l’altra non nasconde la sua voglia di approdarci già in questa stagione. Oggi pomeriggio si sfidano in un match  cha ha l’amaro, ma anche adrenalinico retrogusto del sapore spareggio. Gimam Ags-Arzano, una è di troppo. Ultima chiamata per il treno conducente ai play off. Chi perde è quasi fuori dai giochi. Marsala ed Agrigento sono vicinissime alla meta. Rimane ancora un posto. Se lo stanno contendendo Caserta, Arzano, Cisterna e Maglie. Una sola potrà partecipare alla giostra dei sogni. Calendario alla mano, la partita con le cugine della Marianna Guerriero è per la Volalto lo snodo decisivo verso la post season, poi, però, bisognerà completare l’opera andando a prendere punti pesanti nelle trasferte di Bari e Corato. Questo fine settimana il calendario pone di fronte le prime quattro della classe. In Sicilia si sfidano per il primato Marsala ed Agrigento, un po’ più a nord le rosanero tentano l’allungo decisivo verso la loro gloria sportiva.  Il dado è tratto, altre possibilità il campionato non potrà più riservarle. Ora o mai più. Adesso è il momento di lanciare anima e cuore al di la della rete, ignorare ostacoli, abbattere muri, far divenire discese strade in salita. La sconfitta di Caserta contro Maglie ed il successo sofferto al tie break contro Bari hanno consentito alla Marianna Guerriero di raggiungere sul gradino più basso del podio proprio le cugine rosanero. La formazione partenopea è squadra di altissimo profilo. Vera bestia nera per le casertane. Lo scorso anno si incontrarono due volte in campionato e due nella semifinale play off promozione in A2. Fu sempre Arzano a sorridere. Stesso risultato nella gara di andata. Dopo una partenza con il freno a mano tirato, probabilmente normale conseguenza dei rinnovi estivi, il team allenato da Caliendo ha cominciato a correre. Ha avuto un piccolo momento di appannamento in avvio di girone di ritorno, ma ora è nuovamente in piena corsa, anche se la vittoria al quinto contro Bari non è stato esattamente il risultato che ci si attendeva in sfide del genere. Del resto se in vetta si lotta, in coda non ci si adagia. La Primadonna con San Vito e Catania sta rivaleggiando per strappare la permanenza in B1. Di prima fascia il roster titolare di Arzano: Campolo, Cozzolino, Vinaccia, Aprea, Maggipinto, Russo e Foniciello sono atlete che farebbero le fortune di tutti i club della cadette ria. “ Ci conosciamo perfettamente – spiega Michela Ricciardi – queste sono partite in cui conta si la tattica, ma decisive saranno le motivazioni. Chi ne avrà di più, chi avrà nella gambe maggior furore agonistico riuscirà a far sua la contesa. Mancano solo quattro partite. Bisogna dare tutto”. Prima battuta ore 19:00. Nel corso del match sarà dedicato un tributo alla Volalto Caserta giovane formazione che proprio domenica scorsa ha vinto il suo campionato di prima Divisione  guadagnandosi la promozione in serie D.

 Antonio Luisè

Ufficio Stampa Volato Caserta