CONDIVIDI

 

volalto_caserta-300x336

Crederci sempre, arrendersi mai. Questo lo slogan che ha accompagnato l’intera settimana di allenamenti della Gimam  Ags. Dopo il ko subito ad Agrigento, la formazione volaltina non si è lasciata rapire dalla spirale di pessimismo che in queste situazioni ha spesso gioco facile sulla psiche. Coach Monfreda, navigatore esperto di questi mari, ha sbarrato la porta ad ogni spiffero, tenute al riparo le sue atlete e con loro ha analizzato la sconfitta, passata ai raggi x ogni azione, fatto capire gli errori commessi.

Il passo falso siciliano ha avuto la negativa conseguenza di ridurre drasticamente le distanze tra le rosanero e le loro immediate inseguitrici. Uno solo è il punto di vantaggio sul Cisterna, due su Arzano e Maglie. Il terzo posto per ora è in salvo, ma il vantaggio sulle rivali non è di quelli che autorizza sogni tranquilli. Sei giornate al termine della stagione regolare, con in mezzo il nobile appuntamento delle final four di Coppa Italia. Insomma sarà un avvincente finale di stagione, dove si potranno ancora scrivere pagine esaltanti di storia. Si comincia domani(sabato 29 marzo) sfidando in casa il Tremestieri Catania. La partita prenderà il via alle ore 16:00 e non, come da tradizione, alle 19:00, per consentire un più agevole ritorno a casa delle etnee. Catania non è la squadra temibile della scorsa stagione. Al terzo anno consecutivo in B1, il suo cammino è stato, sinora, costellato più da sconfitte che da successi. Del resto, visti i rinnovamenti avuti ad inizio torneo era una eventualità molto concreta. Aveva come obiettivo massimo la salvezza. Con i suoi diciannove punti e più cinque sul duo San Vito-Bari, non può considerarsi del tutto sicura. Allenato da coach Rizzo, l’Orizzonte normalmente gioca con Avenia in regia, Ruberti opposto, De Bellis e Coatti schiacciatrici, Sbrana libero, Martino e Morfino centrali.

 “Mi aspetto una prova maiuscola – afferma Monfreda – non penso ad un Catania arrendevole. Sono certo che le etnee giocheranno una partita di grande grinta. Mi aspetto miglioramenti in difesa, ma anche in attacco. Sono sicuro che la squadra non deluderà. Per adesso non guardiamo la classifica. Sappiamo che l’accesso alla post season promozione passerà attraverso gli scontri diretti con Arzano e Maglie, ma anche da queste sfide, ma è inutile fare questi discorsi. Rischiamo di andare troppo avanti con i pensieri dimenticandoci del presente e caricandoci ancora di più di aspettative. Ora ci tocca Catania, pensiamo a batterlo. Da lunedì sera prepareremo la sfida con Maglie. Lavoriamo come abbiamo fatto sino a questo momento, nessuno vuole compromettere un anno di sacrifici. Siamo al rush finale, dobbiamo farci trovare preparati”.

 Antonio Luisè

Ufficio Stampa Volalto Caserta