CONDIVIDI

  
Steve Camilleri e Damjan Danilovic: sono questi i giocatori che dovrà tenere particolarmente d’occhio la Carpisa Yamamay Acquachiara se vorrà tornare al successo domani nel turno infrasettimanale di A1 maschile contro l’Ortigia Siracusa. Si gioca alla Scandone (ore 16), ingresso gratuito, arbitrano Paoletti e Zedda.Il maltese Camilleri e il montenegrino Danilovic hanno realizzato finora 13 reti a testa, ovvero il 62% (26 su 42) dei gol messi a segno dall’Ortigia dopo cinque giornate di campionato. Nel poco tranquillizzante biglietto da visita del mancino Danilovic c’è anche il fatto che si tratta di un ex: ha giocato due anni fa nell’Acquachiara contribuendo alla conquista della prima, storica qualificazione in Euro Cup della squadra biancazzurra. Oggi dice: “Quello di Napoli sarà un match difficile ma non impossibile. L’Acquachiara è una buona squadra, con tanti bravi giocatori e alcuni amici come Scotti Galletta, Perez e Ferrone, ma domani ci affronteremo da avversari e noi dell’Ortigia cercheremo in tutti i modi di portare a casa qualche punto”.

E’ un ex anche Andrea Scotti Galletta, Siracusa è una delle tappe della sua carriera. Oggi l’Ortigia, ammessa al campionato di A1 pur non avendo conquistato la promozione, non se la passa benissimo nella massima serie (1 pareggio e 4 sconfitte in 5 partite), ma per la Carpisa Yamamay non è assolutamente il momento di fare ulteriori regali dopo quelli alla Lazio e alla Canottieri Napoli. I biancazzurri di De Crescenzo hanno una fame arretrata di vittorie: risale alla gara casalinga con il Bogliasco, nella seconda giornata, il primo e unico successo dell’Acquachiara in campionato. Mai così male, i biancazzurri, da quando sono stati promossi nella massima serie. La media è di un punto a partita, serve un’inversione di tendenza anche se – in fin dei conti – questo è un campionato in cui basta giungere sesti nella regular season per partecipare alla volata finale con possibilità inalterate di arrivare anche al terzo o al quarto posto.