CONDIVIDI

Matteo Gitto con Luongo e Lanzoni

Domani sera la Carpisa Yamamay Acquachiara troverà ad attenderla una Lazio arrabbiata nell’anticipo televisivo della terza giornata di ritorno (diretta su Raisport 2 alle ore 19,00, arbitri Brasiliano e Rovida). Nelle ultime tre giornate la squadra di Formiconi ha inanellato altrettante sconfitte consecutive che l’hanno inchiodata a quota 13 in quartultima posizione, mentre quella di De Crescenzo ha ottenuto sette punti che le hanno permesso di conservare il terzo posto.

Considerata anche la differenza di valori esistente tra le due squadre, alla Lazio un pareggio probabilmente andrebbe più che bene, all’Acquachiara no. “Ma non sarà facile ottenere i tre punti – spiega il biancazzurro Matteo Gitto -, anche perchè in trasferta recentemente non siamo stati all’altezza della situazione. Le vittorie sono arrivate, ma con grande sofferenza”.

Gitto, romano doc, è l’ex di turno. “La Lazio è la società nella quale sono cresciuto. Anche se ho già affrontato più volte la squadra biancoceleste, tornare da avversario mi fa sempre un certo effetto. Formiconi? L’ho avuto come allenatore per una sola stagione, ma è stata sufficiente per ricevere da lui insegnamenti che mi saranno utili per tutta la carriera. Quindi, poichè avremo di fronte un bravissimo tecnico e una squadra come la Lazio che davanti al proprio pubblico ha quasi sempre giocato buone partite, dovremo mantenere alta la concentrazione se vorremo far prevalere la nostra superiorità tecnica”.

Carpisa Yamamay Acquachiara ancora in formazione rimaneggiata. All’assenza dell’infortunato Perez, che già ha saltato le partite contro Roma Vis Nova e Sport Management, si è aggiunta quella di Scotti Galletta, squalificato per due giornate dal Giudice Sportivo. Al loro posto saranno in formazione Marco Ferrone e uno degli elementi delle giovanili biancazzurre che Paolo De Crescenzo individuerà dopo l’allenamento di stasera”.

 

Mario Corcione

Ufficio Stampa Carpisa Yamamay Acquachiara