CONDIVIDI

carpisa yamamay acquachiara

“Ancora non ci credo. L’altro giorno ero ad aspettare un treno a Termini quando a un certo punto una classe di scuola elementare in gita scolastica mi ha visto e tutti i bambini mi sono corsi incontro per salutarmi e fare foto. Mi piace dare questa felicità alle persone. Mi vedono e diventano allegre”.

E’ uno stralcio dell’intervista che Amaurys Perez ha rilasciato a Vanity Fair dieci giorni fa. Il giocatore della Carpisa Yamamay Acquachiara grazie a “Ballando con le Stelle” è diventato una star. Piace a tutti, uomini, donne, bambini e – inevitabilmente – la stessa scena avvenuta alla Stazione Termini di Roma si ripeterà mercoledì 6 novembre a Napoli, a Fuorigrotta, quando Amaurys Perez incontrerà gli alunni della scuola media Tito Minniti. All’incontro, in programma alle ore 10.00, prenderanno parte anche Franco Porzio, presidente onorario della Carpisa Yamamay Acquachiara, l’allenatore biancazzurro Paolo De Crescenzo e il suo vice Roberto Brancaccio.

E’ il terzo appuntamento stagionale dell’Acquachiara con le scuole della X Municipalità Bagnoli-Fuorigrotta e di Pianura. Un progetto che finalmente sui basa sulla continuità. L’obiettivo è evidente: far conoscere la pallanuoto nelle scuole, anche attraverso la proiezione di filmati, e far sì che i ragazzi si avvicinino ad uno sport che tuttora, nonostante i grandi successi di Settebello e Setterosa, è tutt’altro che popolare.

Al progetto posto in essere dall’Acquachiara collabora l’Associazione no profit “Accendiamo una Stella for you”, diretta dalla Prof.ssa Maria Rotunno. L’Associazione con il suo progetto “Tutti insieme con lo Sport” opera da anni nella X municipalità, contribuendo alla corretta formazione della personalità dei ragazzi, nel rispetto dei valori e delle regole di vita e di gioco. Obiettivi che l’Acquachiara affianca alla pratica dell’attività sportiva con il coinvolgimento sempre maggiore delle fasce più deboli della cittadinanza.

Gli incontri con le scuole, attivati il 2 ottobre scorso, si svolgeranno per l’intero anno scolastico e prevedono la partecipazione a turno degli atleti della Carpisa Yamamay, che raccontano le proprie esperienze illustrando lo straordinario mondo della pallanuoto dell’Acquachiara, che da favola è diventata realtà.

“Anche per noi, oltre che per gli alunni – sottolinea il giocatore biancazzurro Fabio Gambacorta – ogni incontro riserva emozioni particolari. Le domande che ti fanno i ragazzi sono sorprendenti, impensabili, molto spesso divertenti. Usciamo dalle scuole con qualcosa in più dentro”.

Al termine di ogni incontro, gli alunni e docenti sono invitati ad assistere alle partite di campionato. E a tifare Acquachiara, ovviamente. A tutti, inoltre, è offerta una lezione gratuita di pallanuoto presso gli impianti gestiti dal club biancazzurro.

 

Ufficio stampa Carpisa Yamamay Acquachiara